Lussemburgo: dal 2019 i mezzi pubblici saranno gratuiti

Dall’estate 2019, nel Lussemburgo, cittadini, turisti e lavoratori potranno circolare gratuitamente su treni, autobus e tram pubblici. È l’impegno del nuovo governo guidato da Xavier Bettel, che ha fatto dell’ecosostenibilità il cavallo di battaglia della sua campagna elettorale.

Pur essendo uno Stato molto piccolo, percorribile in un’ora circa, il Lussemburgo, situato nel cuore dell’Europa tra Francia, Belgio e Germania, è tra i più trafficati al mondo. Solo nel 2016 ogni automobilista ha trascorso circa 33 ore alla guida, bloccato nel traffico cittadino. Se consideriamo poi che su 600mila abitanti, 400mila sono pendolari, è evidente il bisogno di una mobilità più green e sostenibile.

I trasporti pubblici gratuiti sono un’iniziativa importante per ridurre il numero di veicoli in circolazione e ridurre i livelli di CO2 nell’aria. Prova ne è l’Estonia, che ha già sperimentato questo tipo di servizio, destinato solo ai pendolari con residenza sul territorio nazionale, con risultati più che ottimi. Ma il governo Bettel fa un passo oltre: il servizio sarà destinato a tutti, cittadini e turisti.

Il trasporto gratuito è la giusta continuazione di un percorso green già avviato nel Granducato l’estate scorsa. L’amministrazione ha infatti previsto trasporti gratuiti per ragazzi con meno di 20 anni e indigenti, oltre a navette per gli studenti. Ora si tratta solo di completare il progetto di trasformare il Lussemburgo in un paese totally green. Sperando che gli altri Stati lo prendano ad esempio.