La Giornata Internazionale della Montagna

Oggi 11 dicembre si festeggia la Giornata Internazionale della Montagna, un evento nato nel 2002 per celebrare la bellezza e l’importanza di questo ecosistema, con i suoi paesaggi, le sue tradizioni e i suoi abitanti.

La Giornata Internazionale della Montagna si rifà all’articolo 13 dell’Agenda 21, “Gestire gli ecosistemi facili: sviluppo sostenibile delle Montagne”: già nel 1992, infatti, nella Conferenza Onu sull’ambiente e lo sviluppo tenutasi a Rio de Janeiro, la comunità internazionale mise in evidenza l’importanza della tutela delle montagne, troppo spesso dimenticate. Così dieci anni dopo le Nazioni Unite hanno hanno istituito la Giornata Internazionale della Montagna (la prima edizione si è tenuta l’anno successivo). Il tema specifico è scelto ogni anno dalla FAO che, in collaborazione con il Watershed Management and Mountains Programme del Dipartimento delle Foreste, organizza anche gli eventi istituzionali.

La Giornata Internazionale della Montagna: edizione 2018

Oggi è una giornata speciale per discutere dell’importanza delle montagne e del pianeta, un’occasione per confrontarsi sul futuro, tutelare e difendere le risorse montane e stilare programmi.

La montagna ha infatti un ruolo cruciale nell’ecosistema mondiale e allo stesso tempo risente fortemente dei cambiamenti climatici. Le montagne occupano infatti il 22% della superficie terrestre e qui vive circa il 13% della popolazione mondiale. Secondo i dati della FAO, inoltre, i ghiacciai sono una fondamentale risorsa idrica, in quanto vi troviamo tra il 60 e l’80% di acqua. E non dimentichiamo il ruolo delle montagne nell’economia: il turismo montano è infatti pari al 22% di quello globale.

Insomma, la montagna è una bellezza naturale da preservare, custode di popolazioni antiche e biodiversità. Per questo la FAO ha scelto come tema del 2018 #MountainsMatter. L’idea è creare una comunità social, oltre che concreta, che accenda i riflettori sulle criticità che affliggono questo ecosistema. All’hashtag sono poi collegati particolari microtemi, attorno a cui le istituzioni potranno creare eventi e iniziative.