Skyscraper: la balena green

Giuria e spettatori sono concordi: tra le quindici opere in esposizione, della seconda Triennale d’Arte di Bruges, ispirate al tema “Liquid City”, l’installazione Skyscraper (the Bruges Whale) realizzata da Jason Klimoski e Lesley Chang, spicca su tutte le altre. Dal talento di questi designer e architetti ecco nascere questa magnifica balena blu, realizzata con 5 tonnellate di rifiuti e alta quasi 12 metri. 

A chi passeggia lungo i canali di questa magnifica città belga, sembrerà che questa balena enorme balzi fuori dall’acqua, protendendosi verso il cielo. La creazione dell’opera ha impegnato molte persone, tra cui i volontari del Hawaii Wildlife e Surfrider Foundation che hanno partecipato attivamente alla raccolta rifiuti durata 4 mesi sulle spiagge hawaiane, tutte spinte da un intento comune: puntare l’attenzione sul problema dell’inquinamento dei mari causato dalla plastica.

L’arte diviene sempre più una valida alleata al servizio dell’ambiente per diffondere il messaggio green e sensibilizzare le folle sull’inquinamento, che ormai ha raggiunto livelli preoccupanti. La Skyscraper, al contempo sinonimo di ecologia e solidarietà sociale, rimarrà in esposizione fino al 16 settembre.