I cani alla ricerca dell’inquinamento

Tenere sotto controllo lo stato di fiumi, torrenti e specchi d’acqua, è necessario per tutelare la salute pubblica. Un progetto messo in campo dall’Environmental Canine Services di Bremerton, nello Stato di Washington, renderà più semplice e tempestivo monitorare il livello di inquinamento delle acque con l’aiuto di cani addestrati ad individuare eventuali patogeni presenti. 

L’olfatto sensibilissimo di questi animali riesce, infatti, a scoprire inquinanti con un altissimo livello di precisione e in tempi molto ristretti a differenza dei test batteriologici che necessitano di un lungo iter. L’esperimento ha visto coinvolti due adorabili cani addestrati che dopo un percorso formativo creato appositamente da esperti istruttori, sono stati messi a disposizione del Kitsap (il distretto locale di salute pubblica) per controllare lo stato di un piccolo specchio d’acqua.

I risultati sono stati a dir poco sorprendenti e hanno rivelato la presenza di un’alta percentuale di sostanze inquinanti e dannose per l’uomo. Le analisi di laboratorio, svolte in contemporanea per testare la validità dell’esperimento, confermano l’esattezza delle previsioni canine ribadendo, se mai ci fossero dubbi, la particolarità dell’olfatto dei nostri amati quattro zampe.

I riscontro positivi ottenuti hanno creato curiosità nel mondo scientifico e si sta pensando di allargare l’esperimento in altre zone e paesi, per sfruttare al meglio le meravigliose qualità dell’olfatto canino.