Green Drop Award 2018: vince Van Gogh

Un film arriva dritto al cuore quando riesce non solo a regalare emozioni e magia, ma anche creare importanti spunti di riflessione per lo spettatore: accendere in lui una scintilla che lo guidi verso un cammino di maggior consapevolezza. È questo il presupposto alla base del premio Green Drop Award che ogni anno viene assegnato, durante la Mostra del Cinema di Venezia, al film che esalta o racconta meglio la natura.

Nell’ultima edizione, la giuria ha deciso che il premio andasse al regista Julian Schnabel e all’attore Willem Dafoe per lo splendido film “At Eternity’s Gate” sugli ultimi anni di vita di Vincent Van Gogh.

Il regista narra del rapporto tra il tormentato pittore e la natura, con una delicatezza che permea l’intera pellicola regalando allo spettatore suggestioni intime e profonde. Van Gogh qui si compenetra nella natura, sublimando la sua solitudine quasi fondendosi con l’ambiente che lo circonda. Il film dunque esalta il fondamentale ruolo interpretato dalla natura, non solo nella vita dell’artista ma anche in quella degli uomini, e diventa un importante contributo per rendere tutti noi più consapevoli della sua salvaguardia e difesa.

Il premio voluto dalla Ong Green Cross Italia è giunto alla settima edizione ed è diventato, nel tempo, un riconoscimento di gran valore e un appuntamento imperdibile per accendere i riflettori sulle tematiche ambientali, un momento per ricordare quanto sia vitale il ruolo della natura nelle nostre esistenze.