LA NOTTE DI SAN LORENZO TRA SCIENZA E MITO

Pronti a guardare il cielo, tutti col naso all’insù? Questa è una serata magica, attesa tutto l’anno: è la notte dei desideri, in cui confidare i nostri sogni alle stelle cadenti, sperando che ci aiutino a realizzarli.

Da sempre la notte di San Lorenzo ha ispirato la nascita di storie e leggende, legate alla religione e alle credenze popolari, che sono tutt’oggi parte di molte culture. Oggi è l’incontro tra scienza, magia e mito.

Stelle cadenti e scienza

Quando parliamo di stelle cadenti, usiamo un termine improprio. Quelle che noi vediamo sono infatti frammenti di meteoriti che viaggiano nello spazio ad una velocità di circa 60 km e che al contatto con l’atmosfera terrestre si incendiano, diventando delle palle infuocate.

Ma perché tra il 10 e il 13 agosto se ne vedono così tante? In questi giorni la terra attraversa lo Sciame delle Perseidi, un particolare sciame meteorico osservato dagli astrologi cinesi già dal 36 d.C. Così, in queste notti, il cielo è solcato da meteore luminose: in particolare il 12 agosto si rilevano circa un centinaio di scie luminose all’ora, visibili ad occhio nudo.

Stelle cadenti tra mito e leggenda

La notte di San Lorenzo non è però solo scienza. Sono tanti i miti, le credenze e i racconti popolari legati a questo fenomeno tanto magnifico quanto misterioso.

Forse non lo sapete, ma anticamente vedere una stella cadente era un segno nefasto. Vederla solcare quel cielo immutabile e rassicurante era segno che qualcosa nell’ordine delle cose stesse mutando. In particolare per i greci e i romani, le stelle erano le lacrime degli dei per disastri avvenuti o in procinto di accadere. Lo stesso valeva per i cinesi, secondo cui le stelle cadenti erano ambasciatrici di crisi di governo, guerre o assedi. Questa teoria è stata avvalorata da alcuni eventi storici: ad esempio l’occupazione di Calabria e Sicilia da parte dei saraceni è avvenuta sotto lo sguardo di un fitto sciame meteorico.

Non dimentichiamo poi l’aspetto religioso. Il picco massimo di stelle cadenti avviene nella notte dedicata a San Lorenzo, che nel 258 d.C. fu bruciato vivo. Ancora oggi le stelle cadenti ricordano le fiamme del martirio, ma anche le lacrime del santo che ancora soffre per ciò che ha subito.

Eppure san Lorenzo ci ha fatto un piccolo dono: nella notte a lui dedicata può ascoltare i nostri desideri e aiutarci a realizzare i nostri sogni.

Dunque stasera preparatevi: vi basta trovare il vostro angolo di cielo terso e aspettare che passi la custode dei vostri sogni.