Nasce la carta da parati fotovoltaica

La Finlandia, paese all’avanguardia per le innovazioni tecnologiche e la salvaguardia del pianeta, anche questa volta non si è smentita.

È infatti di un team della VVT Technical Research Centre of Finland, un’associazione totalmente no profit, la scoperta della carta da parati fotovoltaica. Questa fantastica innovazione permetterà di sfruttare la luce interna della casa e quella esterna, per alimentare piccoli dispositivi come: telefoni cellulari, umidificatori e lampadine a Led.

Una vera rivoluzione nel campo della tecnologia domestica: per la prima volta, infatti, il fotovoltaico entra direttamente in casa. Avevamo già visto tegole e vetri fotovoltaici, ma la carta da parati è una fantastica novità.

Come funziona la carta da parati fotovoltaica?

La carta ha, al suo interno, elettrodi e strati di polimeri che catturano la luce solare trasformandola in energia. Pur essendo sottilissima (parliamo di uno spessore di 0,2 mm) la carta è al contempo flessibile, leggera e organica.

Dal punto di vista energetico è un po’ meno efficace dei pannelli in silicio, ma assicura ugualmente un bel risparmio a chi la userà. Un mq può infatti produrre 3,2 ampere di elettricità (10,4 watt di potenza), quindi non va sottovalutata.

Oltre che utile all’ambiente, è anche bella, quindi potrebbe essere una valida soluzione di stile per regalare un aspetto glamour alla tua casa. Si può personalizzare secondo i gusti del proprietario e secondo l’arredo. Il modello base prevede delle piccole foglie, che ricordano madre natura, da applicare su una normale carta da parati, ma possono idearsi diverse forme in base alla fantasia dell’acquirente. Essendo molto flessibile, aderisce perfettamente ad ogni superficie e quindi anche alle pareti.

Ci si augura presto una sua commercializzazione su larga scala e tra qualche tempo sarà possibile. Il costo non sarà alto visto che il procedimento di produzione è abbastanza economico, inoltre la carta potrà essere riciclata alla fine del suo utilizzo.